User Tools

Site Tools


Sidebar

No ai soldati italiani all'estero

Indice

Eventi

#Italia5Stelle - Roma, 10-12 Ottobre 2014

Energia

Rigacci.Org usa energia elettrica da fonti rinnovabili, grazie al gruppo di acquisto Merci Dolci.

Merci Dolci - Energia Rinnovabile

Software libero!

Petizione contro i brevetti software

Faunalia: Soluzioni GIS professionali

Debian

www.gnu.org www.kernel.org

Altre libertà

MoVimento 5 Stelle Campi Bisenzio

No al suicidio energetico nucleare!

start

rigacci.org

Un altro mondo è possibile

Da messina.blogsicilia.it

Un sentito grazie al sindaco di Messina, Renato Accorinti. Oggi, durante la cerimonia del 4 novembre, giorno dell'Unità Nazionale e giornata delle Forze Armate, ha ricordato che l'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali (articolo 11 della Costituzione).

Chi si sente offeso o provocato si faccia un esame di coscienza e poi ci spieghi in quale Costituzione si riconosce, perché non è la nostra.

 

Il primo Consiglio comunale

Grande pubblico al Consiglio Comunale

17 Giugno 2013 - Aria di primo giorno di scuola, il MoVimento 5 Stelle per la prima volta entra nel Comune di Campi Bisenzio con due consiglieri; tocca a me in quanto ex candidato sindaco e a Simona Terreni per i voti di preferenza ottenuti. A dire il vero non sento forti emozioni, forse perché questo non è affatto il primo giorno, l'avventura è cominciata diversi mesi fa quando il Meetup di Campi decise di presentare una lista alle elezioni comunali. Quella sì che fu una “prima volta” massacrante: senza alcuna struttura di partito o precedenti esperienze che ci insegnassero cosa fare e come farlo! Oggi semplicemente ci godiamo il risultato di un lavoro pazzesco portato a termine da un gruppo di cittadini che hanno realizzato un pezzetto di democrazia diretta e partecipata mai visto prima nella storia della Repubblica.

Certo che avevamo lottato per il posto di sindaco e c'erano vere aspettative di andare al ballottaggio, ma i numeri non ci hanno neanche avvicinato a quel risultato. Però oggi la sensazione non è quella di una sconfitta: siamo coscienti che questo è il secondo passo di un percorso assolutamente incredibile.

Siamo in due, prendiamo i posti assegnati. Siamo sul lato destro, riservato ai gruppi di minoranza, accanto abbiamo i due consiglieri della lista civica Alleanza Cittadina (teoricamente una lista civica dovrebbe essere un po' affine al Movimento 5 Stelle), dietro abbiamo i tre consiglieri del PDL (in teoria nostri avversari al pari del PD, ricordiamoci lo slogan “tutti a casa”). Di fronte abbiamo la pattuglia di maggioranza: 17 consiglieri che ci aspettiamo compatti e obbedienti al partito, nonostante che in campagna elettorale le liste apparentate rimarcassero delle differenze. Sui banchi centrali invece sta il sindaco, alcuni impiegati comunali e il presidente provvisorio. Il pubblico è tantissimo e riempi all'inverosimile il poco spazio disponibile.

→ Read more...

 

Lo spread dell'Italia, quello vero

Ci hanno spiegato cos'è lo spread e ci hanno insegnato ad averne paura e ad accettare qualunque sacrificio pur di abbassarlo. Ma in realtà quel numero è determinato da chi muove enormi masse di denaro e decide se prestarci o meno i soldi quando noi (Stato italiano) creiamo il nostro debito pubblico. Non c'è alcuna evidenza che tale numero corrisponda - settimana per settimana - alla nostra reale situazione economica; chi controlla le grandi masse di denaro potrebbe un giorno illuderci che il nostro debito è ottimo (comprandolo anche a basso interesse) e il giorno dopo invece farci intendere che lo stesso debito è pericoloso più della peste bubbonica (rifiutando del tutto di comprarlo).

Allora per capire davvero se la nostra situazione è buona o cattiva dobbiamo trovare altri parametri che misurino la differenza tra il nostro Paese e gli altri. Ve ne suggerisco uno semplice semplice.

Provate a comprare su eBay un ricambio per un telefonino - un piccolo componente elettronico del valore di 8 dollari spedizione compresa - da un venditore cinese che tratta con tutto il mondo (oltre 20.000 feedback, positivi al 99%). A lui non interessa dipingere l'Italia meglio o peggio di quello che è, non gli interessa di Berlusconi o di Monti, gli interessa solo di vendere.

Ebbene, lui vende in tutto il mondo ad eccezione di: Italia, Colombia, Suriname, Hong Kong, Cina, Dominica, Repubblica Dominicana, Antille Olandesi!

Cioè vuol dire che se vivi in Burkina Faso, nello Zimbabwe o in Albania non ci sono problemi, ma in Italia la situazione è talmente peggiore che non si può vendere! Ho chiesto al venditore se poteva fare un'eccezione, ero disposto ad assumermi qualunque rischio, mi ha risposto che no: Mi dispiace, non vendiamo in Italia, sappiamo che la dogana è stretta e l'efficienza del sistema postale è scarsa, abbiamo perso molti pacchi in Italia. Grazie per la comprensione. Prego, ora ho davvero compreso.

 

Il black block di Repubblica col bazooka

TG2 05/07/2011 Domenica 3 luglio c'è stata una grossa manifestazione contro la linea TAV (Treno Alta Velocità) in Val di Susa. Io sono contrario al TAV che è uno sperpero di 20 miliardi di euro di denaro pubblico (perché la Comunità Europea ci dà solo un po' di spiccioli, il resto ce lo mettiamo noi italiani con le tasse): non credo che le merci abbiano bisogno di treni superveloci e per le persone preferisco treni mediamente veloci a prezzi ragionevoli. Quindi sono con i NO TAV.

La Repubblica 04/07/2011 Ho visto in TV e sui giornali che domenica ci sono stati episodi di inaudita violenza, un titolo di Repubblica addirittura dice: nell'arsenale sequestrato spunta anche un bazooka! Chi sono questi che scendono in piazza con il bazooka? Sono i “black block”, pare che non sia facile arrestarli (forse perché a volte indossano qualcosa di diverso dalla felpa nera con il cappuccio?), infatti ne hanno presi solo 4. Si dice che fossero oltre 300 infiltrati tra 50.000 manifestanti.

I “black block” si mescolano alle persone normali e con il loro comportamento tendono ad esasperare il clima di scontro, aumentando intenzionalmente il livello di violenza e cercando di provocare la reazione della parte avversa.

Ma guardando le immagini del TG2 c'è qualcosa che non torna: una persona normale vede un palo di legno in cima al quale sono stati attaccati dei fuochi di artificio con il nastro adesivo, non il bazooka che ha visto il giornalista di Repubblica! Nell'immaginario collettivo un bazooka si usa per far saltare in aria i blindati, non è fatto con i fuochi d'artificio di cartone.

Io sono d'accordo che tirare fuochi d'artificio addosso alla polizia non va bene: se prepari un aggeggio del genere vuol dire che vuoi alimentare lo scontro. Ma se sul giornale forzi le parole per dipingere una realtà che non esiste è chiaro che stai alimentando in modo fraudolento la rabbia di chi non vuole la violenza, alzando intenzionalmente il tono dello scontro; vuol dire che anche a Repubblica si comportano come black block.

Concludo con la notizia che durante gli scontri un poliziotto è stato malmenato e derubato della pistola, poco dopo i black block hanno abbandonato la pistola che è stata recuperata dalla polizia. Volendo raccontare la verità come il giornalista di Repubblica potremmo titolare: Poliziotto si fa rubare la pistola, ma i black block la restituiscono.

 

Energia atomica: fidatevi!

Kim Kyung-Hoon / Reuters

Facciamo un po' di sciacallaggio: con il Giappone in piena emergenza nucleare proviamo a pensare alla nostra di avventura nucleare. Non si capisce infatti perché qualcuno dice che ragionare e formarsi un'idea vada fatto solo quando tutto va bene e non quando le cose vanno un po' peggio.

Nessuno di noi ha mai visto da vicino come funziona una centrale atomica, non sappiamo come si forma il prezzo della corrente elettrica, per quanti anni avremo ancora petrolio, quanto durerà e costerà l'uranio in futuro. I nostri politici e amministratori - che decidono per noi - ci chiedono un atto di fiducia nei loro confronti e verso gli esperti da loro consultati. E allora domandiamoci come fare questo atto di fiducia.

Ci fidiamo che i nostri amministratori sceglieranno dove e come costruire le nuove centrali secondo i principi di massima sicurezza? Oppure verranno applicati i principi del massimo profitto, come per la diga del Vajont, dove un progetto iniziale da 50 milioni di metri cubi d'acqua fu trasformato in uno da 150 milioni? Oppure si applicherà un principio di “scambio” per cui un territorio viene svenduto secondo logiche folli, come per le discariche di rifiuti nel parco del Vesuvio?

Ci fidiamo che le centrali verrano costruite rispettando le norme di legge e i progetti? Chi ci assicura che non ci saranno truffe come quelle del cemento depotenziato dell'ospedale di Agrigento costruito nel 2004 o quello dell'Aquila danneggiato dal terremoto nel 2009?

Ci fidiamo che i costi/benefici dell'energia atomica siano quelli attualmente prospettati? Grandi opere come l'alta velocità o gli ospedali, in Italia hanno un costo sul progetto che poi aumenta inevitabilmente e pesa sulle nostre tasche 2, 3, fino a 9 volte tanto! Questo è stato considerato quando ci dicono che il costo dell'energia atomica è vantaggioso?

→ Read more...

 
start.txt · Last modified: 2013/06/25 09:10 by niccolo