User Tools

Site Tools


Sidebar

No ai soldati italiani all'estero

Indice

Eventi

Energia

Rigacci.Org usa energia elettrica da fonti rinnovabili, grazie al gruppo di acquisto Merci Dolci.

Merci Dolci - Energia Rinnovabile

Software libero!

Petizione contro i brevetti software

Faunalia: Soluzioni GIS professionali

Debian

www.gnu.org www.kernel.org

doc:appunti:linux:sa:snmpd_lm_sensors

LM-sensors e SNMPD

Dopo l'installazione del pacchetto lm-sensors si esegue sensors-detect. Se siamo fortunati i sensori presenti sulla scheda madre vengono rilevati automaticamente e vengono elencati i moduli kernel da caricare (aggiungerli in /etc/modules). A questo punto il comando sensors dovrebbe restituire dei valori sensati per temperatura, velocità di rotazione ventole, voltaggio.

Si installa il pacchetto snmpd, per comodità di installa anche il client snmpwalk contenuto nel pacchetto snmp. L'elenco dei MIB viene creato durante l'installazione dal pacchetto non-free snmp-mibs-downloader (vedere queste note). Disgraziatamente l'elenco dei MIB (corrispondenza tra codici numerici e stringhe umanamente leggibili, del tipo .1.3.6.1.4.1.2021.13.16 ⇒ LM-SENSORS-MIB::lmSensors) ha una licenza non libera e quindi occorre effettuare il download al volo. I file così creati vengono salvati in /var/lib/mibs.

Sempre se siamo fortunati con il seguente comando SNMP si dovrebbe poter accedere agli stessi valori mostrati da sensors:

snmpwalk -v2c -c public 127.0.0.1 LM-SENSORS-MIB::lmSensors

Per verificare che snmpd carichi le estensioni lm-sensors:

# snmpd -Dmib_init                        
No log handling enabled - turning on stderr logging   
registered debug token mib_init, 1                    
mib_init: initializing: smux            
...
mib_init: initializing: lmSensors                     
...

Controllare se il bug #575810 è stato risolto, altrimenti SNMPD rileva il valore solo del primo sensore.

Personalizzazione etichette

Se le etichette mostrate dal comando sensors non ci piacciono (o sono sbagliate) è possibile modificarle con un semplice file di configurazione. Ecco ad esempio le etichette predefinite per una scheda madre Asus AT5NM10-I:

$ sensors
atk0110-acpi-0
Adapter: ACPI interface
Vcore Voltage:     +1.09 V  (min =  +0.85 V, max =  +1.60 V)
 +3.3 Voltage:     +3.42 V  (min =  +2.97 V, max =  +3.63 V)
 +5 Voltage:       +4.71 V  (min =  +4.50 V, max =  +5.50 V)
 +12 Voltage:     +12.54 V  (min = +10.20 V, max = +13.80 V)
CPU FAN Speed:       0 RPM  (min =  600 RPM)
CHASSIS FAN Speed:1730 RPM  (min =  600 RPM)
CPU Temperature:   +41.0°C  (high = +60.0°C, crit = +95.0°C)
MB Temperature:    +34.0°C  (high = +45.0°C, crit = +75.0°C)

È sufficiente creare un file /etc/sensors.d/asus-at5nm10-i.conf con le etichette personalizzate:

chip "atk0110-acpi-0"
       label in0 "Voltage core"
       label in1 "Voltage +3.3"
       label in2 "Voltage +5"
       label in3 "Voltage +12"
       label fan1 "CPU Fan"
       label fan2 "Sys Fan"
       label temp1 "CPU Temp"
       label temp2 "Sys Temp"

Altre direttive utili sono:

chip "w83782d-*"
    ignore temp4
    ignore temp5

    set fan1_min 1100

    set temp1_max 70
    set temp1_max_hyst 65
    
    set in1_min  1.75 * 0.9
    set in1_max  1.75 * 1.1
doc/appunti/linux/sa/snmpd_lm_sensors.txt · Last modified: 2011/10/13 17:48 by niccolo