User Tools

Site Tools


Sidebar

No ai soldati italiani all'estero

Indice

Eventi

Energia

Rigacci.Org usa energia elettrica da fonti rinnovabili, grazie al gruppo di acquisto Merci Dolci.

Merci Dolci - Energia Rinnovabile

Software libero!

Petizione contro i brevetti software

Faunalia: Soluzioni GIS professionali

Debian

www.gnu.org www.kernel.org

tecnica:misc:borraccia_termica

Borracce termiche: Root-FTC vs Lidl Ernesto

Borraccia Root-FTC vs Lidl Ernesto In questo articolo sono messe a confronto due borracce termiche in acciaio della capacità di mezzo litro. Entrambe sono del tipo a doppia parete, cioè si tratta di due contenitori uno interno all'altro, separati da “vuoto” e uniti all'imboccatura. Il tappo è a vite con guarnizione in gomma.

Il modello economico (colore bordeaux, a destra nella foto) è stato acquistato al supermercato Lidl per 5.99 € ed è denominato Ernesto. In effetti modelli pressoché identici sono disponibili presso molti venditori in grandissima varietà di colorazione e prezzi (che generalmente variano fra i 9 e i 15 €). Il modello più caro invece è marchiato Root Feed-The-Change ed è in vendita su Amazon al ragguardevole prezzo di 33.99 €.

Tutta questa differenza di prezzo è giustificata?

Caratteristiche

Le due borracce sono paragonabili per dimensioni. La Root-FTC è di poco più capiente ed ha una forma più compatta, il che riduce la dispersione del calore. Il diametro maggiore dell'imboccatura consente di mettere eventuali cubetti di ghiaccio direttamente nella borraccia.

Root-FTC Lidl Ernesto
Peso 354 g 335 g
Capienza 530 ml 500 ml
Altezza 210 mm 260 mm
Diametro massimo 80 mm 71 mm
Diametro imboccatura 34 mm 28 mm
Prezzo 33.99 € 5.99 €

Isolamento termico

Ho misurato le prestazioni termiche delle due borracce nella loro capacità di mantenere il calore di un liquido. La misurazione è stata effettuata come segue:

  • Le borracce sono state pre-riscaldate riempiendole di acqua bollente (cioè a 100 °C) per circa 10 minuti.
  • Si è provveduto quindi al riempimento con altra acqua bollente fino all collo dell'imboccatura, dove preme la guarnizione. Il tappo è stato avvitato.
  • La temperatura della stanza è rimasta costante a circa 16 °C per tutta la durata della prova.
  • Le borracce sono state aperte dopo 1, 2, 3, 12 e 14 ore per il tempo strettamente necessario a misurare la temperatura del liquido contenuto. Per la misura si è utilizzato un termometro elettronico con sonda ad immersione.

Il termometro utilizzato

In generale i risultati sono molto buoni, visto che dopo 12 ore la temperatura del liquido in entrambi i casi era superiore ai 50 °C (63.4 per la Root-FTC e 54.1 per la Ernesto). Va considerato comunque che si tratta del caso migliore, cioè la borraccia è rimasta completamente piena per tutto il periodo ed è stata aperta solo per pochi istanti. Se una parte del liquido viene utilizzato, la capacità termica totale ovviamente diminuisce e il liquido rimanente si fredderà molto più in fretta.

Temperatura effettiva misurata Grafico pubblicizzato da Root-FTC

Nel primo grafico le temperature effettivamente misurate, nel secondo quelle pubblicizzate dal produttore Root-FTC. Il messaggio pubblicitario è un po' troppo ottimistico per quanto riguarda le prime 5 ore (la perdita di temperatura misurata è stata più consistente), ma del tutto veritiero quando ci si avvicina alle 10 ore. Probabilmente il modello da 1 litro riesce ad ottenere risultati anche superiori grazie alla maggiore capacità termica.

Estetica e finitura

Per quanto riguarda l'estetica si può dire che la Root-FTC è più accattivante con i due cordini elastici colorati. Resta da dimostrare che questa soluzione sia efficace anche alla lunga distanza. quando è probabile che l'elastico potrà cedere. Il laccio della borraccia Ernesto, per quanto estremamente tradizionale e semplice, dovrebbe garantire la sua funzione molto più a lungo.

Il fondo della Root-FTC in plastica proteggerà l'oggetto da graffi, mentre il rivestimento colorato della Ernesto ha cominciato a presentare i primi graffi già al primo utilizzo.

Come si vede bene dalle foto, la borraccia Lidl è verniciata esternamente ed è probabile che subirà graffi evidenti in poco tempo; il fondo già mostra i primi segni. La borraccia FTC invece è rivestita esternamente da uno strato trasparente che esalta l'aspetto satinato dell'acciaio inox. Parrebbe una verniciatura più resistente rispetto al modello economico, ma è probabile che anch'essa potrà graffiarsi. A mio avviso sarebbe stato preferibile lasciare l'acciaio non verniciato: per quanto l'aspetto sarebbe stato meno brillante, un graffio sull'acciaio nudo è meno brutto dello stesso graffio sul rivestimento trasparente.

Acciaio inossidabile

Entrambi i produttori dichiarano di utilizzare acciaio inox per la realizzazione delle borracce. Esistono diversi tipi di acciai inossidabili, le principali famiglie sono quelle degli acciai inossidabili ferritici, austenitici e martensitici. Nella produzione di contenitori per alimenti sarebbero preferibili quelli austenitici, per la loro resistenza alla corrosione e la loro igienicità, ma sono i più costosi.

Una delle caratteristiche degli acciai austenitici è quella di essere non magnetici, per cui è molto diffusa la pratica di valutare la bontà dell'acciaio inox con una calamita: un buona acciaio inox austenitico non è attratto dalla calamita. Questa prova non è del tutto veritiera, infatti alcune lavorazioni meccaniche (laminazione, imbutitura, ecc.) possono provocare negli acciai austenitici delle modifiche strutturali che li rendono magnetici (la cosiddetta dislocazione delle particelle).

Tutto ciò premesso, posso testimoniare che le due borracce sono realizzate, almeno nella parte esterna, in acciaio che presenta caratteristiche magnetiche evidenti, al punto che un magnete al neodimio appoggiata per il suo spessore alla parete della borraccia, resta sospeso nonostante il suo peso. Guardate le foto esplicative:

La borraccia Lidl presenta la scritta SUS 304 stampigliata sul fondo interno, si tratta di una sigla che identifica un acciaio inossidabile austenitico amagnetico.

Acciaio SUS 304

Nella mia personale esperienza non sono comparsi segni di ossidazione dopo i primi utilizzi, ma consiglierei comunque di farle asciugare molto bene e conservarle aperte. In alcune recensioni on-line di borracce inox, gli utenti si sono lamentati per la comparsa di macchie di ossidazione.

tecnica/misc/borraccia_termica.txt · Last modified: 2021/03/10 18:28 by niccolo