User Tools

Site Tools


Sidebar

No ai soldati italiani all'estero

Indice

Eventi

Energia

Rigacci.Org usa energia elettrica da fonti rinnovabili, grazie al gruppo di acquisto Merci Dolci.

Merci Dolci - Energia Rinnovabile

Software libero!

Petizione contro i brevetti software

Faunalia: Soluzioni GIS professionali

Debian

www.gnu.org www.kernel.org

doc:appunti:linux:sa:grml

GRML

Boot via PXE

Vedere Boot via PXE.

Installazione da Live-CD

Personalizzazione

La partizione VFAT quando il sistema live è avviato, risulta accessibile sotto /lib/live/mount/medium/.

FIXME (Verificare se funziona davvero) Se nella chiavetta USB contenente GRML si crea un archivio config.tbz, questo verrà scompattato subito dopo l'avvio a partire dalla directory radice. L'archivio deve essere un grml configuration archive, abbreviato GCA.

FIXME (Verificare se funziona davvero) dopo l'autoconfigurazione viene eventualmente eseguito lo script DCSDIR/scrips/grml.sh. Vedere il paragrafo Determination of DCS directory, dovrebbe trattarsi comunque della directory radice della partizione VFAT.

La via più comoda di avere una GRML personalizzata è passare il parametro netconfig=server/archivio.tar.bz2 al boot prompt. L'archivio viene scompattato subito dopo l'avvio a partire dalla directory radice, ovviamente è necessario che la macchina abbia accesso alla rete.

In alternativa è possibile creare una partizione opportuna sulla chiavetta USB oppure sul disco fisso, impostare su di essa la label GRMLCFG e metterci dentro l'archivio config.tbz.

Altri parametri di boot utili:

  • lang=it
  • netconfig=10.0.1.253/grml/gca-$ARCH.tar.bz2
  • ssh=maidiremai
  • debs=*.deb

Per impostare dei parametri boot prompt permanenti sulla chiavetta USB è sufficiente seguire le istruzioni Permanently adjust boot parameters. In pratica è sufficiente creare una directory bootparams nella directory radice della chiavetta e creare un file con nome a piacere che contenga i boot parameters desiderati, su una sola riga separati da spazi.

grml2usb

Con il tool grml2usb (omonimo pacchetto Debian) è possibile copiare una .ISO GRML su chiavetta USB. A differenza di unetbootin in questo caso è possibile specificare una serie di parametri per personalizzare il boot. Ecco un esempio:

grml2usb --bootoptions="lang=it ssh=mysecret" /home/niccolo/Downloads/grml_2011.05.iso /dev/sdb1

La partizione VFAT (sdb1 nell'esempio) deve essere montata.

I parametri sono documentati in http://grml.org/cheatcodes/. Durante la creazione della chiavetta USB vengono scritti in numerosi file di configurazione nella directory /boot/.

Pacchetti aggiuntivi

Gran parte dei pacchetti aggiuntivi possono essere installati direttamente dal repository Debian. Quello usato dalla versione 2013.02 ad esempio è:

http://snapshot.debian.org/archive/debian/20130226/testing/main

Per installare automaticamente un pacchetto al bootstrap, basta creare una directory debs/ nella radice della partizione VFAT e copiarci i file .deb. Quindi si aggiunge il parametro di boot (eventualmente anche sulla riga di comando di grlm2usb, vedi sopra):

debs=*.deb
doc/appunti/linux/sa/grml.txt · Last modified: 2018/04/16 09:56 by niccolo